NECROPOLI
Taranto, via Marche

Età arcaica – classica – ellenistica

via_marche1
Le ricerche condotte in via Marche, nell’area antistante il Tribunale, hanno permesso di individuare, nel corso di più campagne di scavo, circa centoquaranta sepolture riferibili a uno dei settori più rappresentativi della necropoli tardoclassica ed ellenistica, documentando una utilizzazione del sito, prevalentemente per usi funerari, già a partire dalla fine del VII – prima metà VI secolo a.C.
La riorganizzazione urbanistica della città, inquadrabile nel V secolo a.C., in seguito alla quale si registrano l’ampliamento dell’abitato, la creazione del sistema difensivo e di un tessuto stradaleregolare estensibile alla necropoli, sembra aver rispettato in questo settore assi viari esistentigi&agrave in et&agrave arcaica. Si sono potute individuare con sicurezza nello scavo due strade N-S, larghe oltre cinque metri e almeno un asse E-O, probabilmente una vera e propria plateia (via larga). Appaiono, quindi, ben identificabili nell’area gli isolati regolari, occupati progressivamente da lotti familiari di deposizioni, con continuità fino alla fine del III secolo a.C., evidentemente fino alla riconquista romana della citt&agrave nel 209 a.C.
Tali lotti comprendevano tombe a sarcofago, ricavate nella roccia, scavate nella terra o rivestite da lastre di carparo, generalmente con doppio lastrone di copertura a superfici piane o a spiovente.
Nei punti nodali degli isolati o all’incrocio degli assi stradali sono state messe in luce otto tombe a camera, inquadrabili fra il IV e il III secolo a.C. Due sono interamente costruite con blocchi squadrati di carparo, altre, fornite di dromos di accesso, sono ricavate nella roccia e completate nella parte superiore con blocchi regolari e cornici aggettanti. Presentano una kline (letto funebre), a volte con modanature e superfici intonacate e dipinte.
Considerata la rilevanza del sito, con finanziamenti dell’Unione Europea si èprovveduto alla conservazione dei resti, per la conseguente valorizzazione e fruizione pubblica.

Testo di Antonietta Dell’Aglio

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE:
A. Dell’Aglio-E. Lippolis, Taranto, via Marche, in: Taras 15, 1995, pp.105-107;
A. Dell’Aglio, Taranto, via Marche, in Taras 18, 1998, p.79;
A. Dell’Aglio, Taranto, via Marche, in Taras 20, 2000, pp.88.

ScaviScaviScavi

Valid HTML 4.01!